tancredi militano

Le emozioni negative provocano patologie. Un aiuto dall’Emotional Training

Gli “Aperitivi della mente”, gli incontri periodici dedicati al benessere e alla salute organizzati da OON e coordinati dall’eclettico e versatile biologo Tancredi Militano, sono tornati e hanno riscosso ancora il grande successo che fin qui li ha sempre contraddistinti. L’ultimo di questi incontri, che ha ottenuto come consuetudine numerose adesioni e consensi entusiastici e positivi, si è tenuto martedì 1 luglio alle h. 19.30 nella nuova location del fitness club GetFIT di via Galvani 5, inserito nella splendida e suggestiva cornice del nuovo Palazzo della Regione Lombardia. La durata prevista per l’incontro era di un’ora e mezza ma il coinvolgimento emotivo dei partecipanti e le numerose domande rivolte a Tancredi hanno protratto l’evento fino alle h. 22.00. Ecco qui un’approfondita sintesi dei temi di cui si è discusso nel corso dell’incontro.

Ecco perché molte patologie derivano da un accumulo di emozioni negative

Partendo dall’idea di base che molte patologie sono legate a un accumulo di energie e di emozioni negative e che, se si impara a conoscere e a comprendere il funzionamento di entrambi gli emisferi del nostro cervello, è possibile star meglio ed anche guarire senza l’ausilio di alcun farmaco, Tancredi, oratore coinvolgente, interessante e appassionante, ci ha portato ancora una volta alla scoperta dei meandri più reconditi del nostro cervello. Il nostro cervello è formato da due emisferi tra loro molto diversi e in costante e implicito attrito: l’emisfero sinistro, sede della ragione, degli atti volontari , della coscienza logica che produce auto costrizioni e l’emisfero destro, casa dell’inconscio dove regna l’irrazionalità, la fantasia, la creatività ma anche la follia e dove si creano tutte quelle pulsioni distruttive e auto-distruttive legate a processi mentali profondi e impulsivi, indipendenti dalla nostra volontà razionale.

I malesseri possono diventare anche gravi

Il problema di base che lega i due emisferi è l’incomunicabilità: essi parlano due linguaggi tra loro differenti e pertanto il vocabolario di uno risulta incomprensibile all’altro; il continuo scontro e lotta per la sopraffazione che si viene a creare tra i due emisferi a causa di questa incomunicabilità genera un accumulo di emozioni, di energia e di stress nell’emisfero destro, un ammasso di negatività e di tensione che altera e sregola i neuroni lì presenti fino a generare vere e proprie patologie a carattere emozionale come ad esempio:

  • gastriti
  • coliti
  • gonfiori
  • psoriasi
  • problematiche cutanee
  • allergie
  • infezioni ricorrenti

Ma non finisce qui: oltre alla comparsa di patologie l’accumulo di emozioni negative trattenute può anche generare vere e proprie situazioni di malessere come ansia, attacchi di panico, senso d’angoscia, timidezza, insicurezza, disordini alimentari, senso d’insoddisfazione e dipendenze di vario tipo. Non si tratta di patologie vere e proprie ma di una sregolazione dei neuroni cioè di qualcosa che fortunatamente è possibile modificare se si lavora sulle emozioni!

Il percorso dell’Emotional Training ideato da Tancredi Militano

E’ proprio per risolvere situazioni come queste che Tancredi Militano nel 2010 costituisce una équipe e dà vita all’Emotional Training, un percorso di 10 incontri nei quali la sua équipe lavora per capire se una determinata “patologia” o una certa problematica è effettivamente collegata ad una causa emozionale (situazione molto più frequente di quanto si creda) e procede per estirpare il problema alla radice; l’emotional trainer si rivolge dunque a questo punto direttamente all’inconscio e, parlando il linguaggio irrazionale dell’emisfero destro, fa in modo che la negatività, la tensione e le pulsioni distruttive accumulate siano espluse, per poter tornare a stare bene.

emotional training

Prima di intraprendere lunghe terapie farmacologiche o percorsi di psicoterapia interminabili e onerosi, sia in termine di fatica che in termini economici, è bene dunque rendersi conto che emozioni, cervello e psiche sono indissolubilmente legati tra loro e che spesso è proprio il disequilibrio tra essi a creare situazioni di malessere e disagio. Una volta individuata la causa della patologia presente, con l’Emotional Training si può fare sfogare l’emozione negativa che ne sta alla base così che il problema viene effettivamente risolto ed è realmente possibile tornare a stare bene e a sorridere. In molti casi, sarà chiaro come farmaci e altre terapie siano solo un palliativo non in grado di risolvere la causa che genera il malessere. Sentirsi bene è possibile solo se il problema è eliminato alla base ed è questo il compito del team di psicologi guidati da Tancredi Militano.

Il dialogo con l’inconscio di Giulia durante l’incontro

Questa è parte della teoria di base su cui il lavoro di Tancredi e del suo team si basa ma poiché gli Aperitivi della Mente sono incontri a carattere interattivo e siccome un esempio concreto vale più di mille discorsi, anche questa volta Tancredi ha affascinato il suo pubblico con un esperimento a sorpresa, proposto per mostrare in modo pratico e concreto che dialogare con l’inconscio è possibile. Incuriosita dall’argomento si è offerta volontaria per l’esperimento Giulia, una ragazza giovanissima di soli vent’anni la quale, messa a proprio agio dal clima sereno e aperto dell’incontro, ha deciso di condividere con Tancredi e con i partecipanti un suo comportamento irrazionale che proprio non riesce a spiegarsi e contro il quale non riesce a reagire in modo incisivo. I suoi genitori sono separati e spesso, quando si trova a interagire con i nuovi rispettivi compagni della madre e del padre, inspiegabilmente non riesce ad alzare lo sguardo e a guardarli in volto, nonostante li reputi entrambi due persone piacevoli e non nutra sentimenti negativi nei loro confronti.

Il parere di Giulia dopo l’esperimento

Nell’affrontare questa problematica l’approccio di Tancredi si è rivelato da subito efficace e, attraverso il graduale dialogo con l’inconscio di Giulia, il problema reale è emerso e, nel corso dell’incontro è stato anche risolto. Curiosi? Noi non vogliamo svelarvi di più! Possiamo però dirvi il parere di Giulia, intervistata dopo l’incontro: “Quella di oggi e’ stata un’esperienza davvero interessante ed è stato altrettanto interessante vedere in modo pratico in cosa consiste l’approccio e il metodo dell’Emotional Trainer; non avevo mai partecipato prima ad un incontro del dottor Tancredi Militano e credevo che l’evento consistesse in una semplice presentazione teorica della disciplina. Mi ha fatto invece molto piacere scoprire che l’incontro fosse interattivo! Essere coinvolta in prima persona è stato bello ed interessante perché, proprio grazie al lavoro che il dottor Tancredi ha fatto su di me, sono stata in grado di comprendere appieno tutto quello che era stato spiegato al pubblico in via teorica nella parte introduttiva dell’incontro. Sono rimasta entusiasta di questo incontro e certamente parteciperò ancora ai prossimi “aperitivi della mente” che verranno organizzati in futuro, sperando che il prossimo incontro sia organizzato presto!”

Se siete rimasti incuriositi dagli aperitivi della mente, se volete saperne di più sull’attività dell’Emotional Trainer o volete cercare di risolvere le problematiche che vi affliggono attraverso l’approccio innovativo di questa figura, visitate il sito internet www.emozioniebenessere.it oppure contattate Tancredi Militano e il suo Team compilando il form qui sotto:

Fill out my online form.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alla nostra Newsletter