smagliature

A proposito di smagliature: tutto quel che c’è da sapere

Le smagliature sono un inestetismo molto diffuso che non risparmia nessuno e che, dalla pubertà in poi, colpisce sia le donne sia gli uomini di qualsiasi fascia d’età.

Cosa sono le smagliature

Le smagliature, il cui nome scientifico è strie rubre o strie distensae, sono atrofie lineari e ben delimitate del derma a forma, appunto, di strie. Esse sono dovute alla rottura delle fibre elastiche della pelle in quel determinato punto e inizialmente hanno l’aspetto di vere e proprie fratture cutanee, di ferite dal colore rossastro, violaceo o bluastro. Col passare del tempo la loro colorazione muta e le smagliature si cicatrizzano diventando bianche e lucide, quasi di colorazione perlacea. I punti più soggetti alla comparsa delle smagliature sono solitamente l’addome, il seno, l’interno coscia, i glutei, i polpacci e i fianchi ma in alcuni casi, anche le braccia possono essere interessate da questo problema. Solitamente le smagliature non compaiono mai da sole ma si raggruppano a coppie o a triadi; di forme e lunghezze variabili, le smagliature sono la chiara espressione della perdita di elasticità e di tonicità della pelle, che infatti, nel punto di rottura, si presenta generalmente flaccida, molle e facile da pinzettare.

Perchè si formano le smagliature

Le motivazioni per cui le smagliature appaiono sono molteplici:

  • Cambiamenti repentini di peso e di dimensioni corporee – la pelle, se sottoposta a improvvisi stress dati dal rapido cambio di peso e della forma corporea, potrebbe non reagire con sufficiente elasticità. La smagliatura nasce così, perchè le fibre di collagene, non preparate a questa repentiva variazione, si rompono. Se poi il derma è già di per sè predisposto alla comparsa delle smagliature, questo processo può dirsi del tutto inevitabile.
  • Gravidanza – l’aumento della pancia e del peso, soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza, quando è nettamente più rapido, è una delle principali cause della comparsa delle smagliature.
  • Cortisone – sia il cortisolo naturale (prodotto dal corpo in modo anomalo nel caso di alcune patologie), sia il cortisone assunto tramite creme e farmaci, possono provocare smagliature. Oltre alla questione ormonale c’è poi da considerare che il cortisone gonfia e causa ritenzione idrica, fattore che, in caso di predisposizione alle smagliature e di fragilità epidermica, non aiuta di certo.
  • Alcune patologie – esistono alcune rare patologie, come ad esempio la malattia di Cushing, che interferiscono con la normale elasticità della pelle, facendo comparire le smagliature.
  • Avanzare dell’età – invecchiando la pelle perde elasticità e tonicità.
  • Predisposizione genetica.

Come trattare le smagliature quando compaiono

Purtroppo le smagliature sono indelebili e, una volta comparse, nel 99% dei casi lì resteranno. Quando la frattura è fresca e recente e le smagliature sono rosse o violacee si può tentare di intervenire con apposite creme e trattamenti ma in ogni caso, nella migliore delle ipotesi, l’inestetismo risulterà alleviato ma la smagliatura non scomparirà. In caso di comparsa di smagliature è bene comunque intervenire fin da subito e idratare con costanza e cura la zona interessata, applicando apposite creme che aiutino e velocizzino la cicatrizzazione.

La miglior cura è la prevenzione

Essendo le smagliature praticamente impossibili da cancellare, la migliore arma per difendersi consiste nella prevenzione. Semplici abitudini come idratare quotidianamente la pelle e applicarvi appositi oli che mantengano la pelle morbida ed elastica sono sicuramente buona norme da seguire, ma da sole non bastano; è bene dunque prestare attenzione anche alla propria alimentazione e seguire un regime bilanciato e ricco di vitamine C ed E e di sali minerali. E’ importante ricordare che l’idratazione della pelle avviene dall’esterno, attraverso creme e oli, ma anche dall’interno: ricordate dunque di bere tanta acqua nel corso della giornata, per mantenere il giusto livello di idratazione corporea.

Rimedi naturali per prevenire le smagliature

Nella prevenzione delle smagliature, alcuni olii e prodotti naturali si rivelano particolarmente utili, e possono essere usati tranquillamente anche dalle donne in gravidanza. Ve ne presentiamo alcuni:

  • Olio di cocco – grazie alle sue note proprietà emollienti, si rivela un prezioso alleato nel prevenire questi spiacevoli inestetismi e nell’alleviarne i danni, quando compaiono.
  • Aloe vera – in grado di donare elasticità alla pelle, viene spesso preferita agli oli perchè si assorbe molto rapidamente e non unge.
  • Super unguento elasticizzante – unendo la stessa quantità di olio di mandorle e di olio di jojoba, e aggiungendo al composto olio di rosa mosqueta e olio extra vergine d’oliva, si dà vita a un unguento dal portentoso effetto idratante ed elasticizzante. L’unguento va applicato in piccola quantità sulla pelle umida dopo il bagno o la doccia e va massaggiato fino al completo assorbimento. Per donare una gradevole profumazione al composto è possibile aggiungervi qualche goccia di olio essenziale della fragranza che più vi piace.

Per prevenire le smagliature, l’attività fisica è importante!

Al fine di prevenire in modo soddisfacente la possibile comparsa di smagliature, è importante anche praticare attività fisica quotidianamente. Un corpo in forma e atletico, infatti, può vantare anche una pelle elastica e tonica, differentemente da quel che succede a chi conduce una vita molto sedentaria e che, avendo pelle e muscolatura flaccida e morbida, ha più possibilità di sviluppare le smagliature.

Trattamenti non invasivi per combattere le smagliature

Le smagliature sono, come si è già detto, degli inestetismi cutanei piuttosto comuni. Ci sono però casi e circostenze in cui, o perchè sono particolarmente profonde, o perchè molto ampie o perchè situate in zone spiacevoli e molto visibili, possono creare problemi e disagi a chi le ha. In casi di questo tipo, si possono valutare metodi più aggressivi e specifici per cercare di ridurle o almeno di alleviarle. Tra questi metodi ci sono:

  • Dermoabrasione – un trattamento che consiste nell’eliminazione dello strato danneggiato della pelle che è quello più superficiale, usando particolari sostanze abrasive.
  • Peeling chimico – si tratta di un vero e proprio peeling che viene effettuato usando sostanze chimiche che esfoliano la pelle in profondità e innescano i processi di naturale rigenerazione cutanea.
  • Biodermogenesi – è una tecnica che associa, grazie all’utilizzo di un particolare macchinario, il peeling e la stimolazione della produzione di collagene.

Questi trattamenti, in caso di smagliature leggere o poco accennate, possono dare risultati molto soddisfacenti.

Trattamenti invasivi per combattere le smagliature

In casi particolari, si può ricorrere a trattamenti più invasivi e incisivi, che mirano a rendere più leggeri gli esiti delle smagliature. Si tratta di interventi più importanti, da effettuare in ambulatorio sotto la supervisione di un medico e che potrebbero rivelarsi molto significativi, anche a livello economico

  • Laser – è uno dei trattamenti più utilizzati. Le tipologie di laser sono tantissime e variano a seconda della smagliatura da trattare. Uno di quelli più in voga è il laser frazionato, che è in grado di agire anche sulle smagliature più vecchie, mettendo in atto un processo di necrosi del tessuto smagliato, in modo da favorire la produzione di pelle nuova.
  • Micro-chirurgia – anche la chirurgia, specie negli ultimi anni, ha sperimentato diverse tecniche innovative che possono fornire un valido aiuto nella lotta alle smagliature. Da effettuare in regime ambulatoriale o, in alcuni casi, in day hospital, necessitano sempre della presenza di un medico che supervisioni e monitori l’andamento del trattamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alla nostra Newsletter